Il Bon Ton dice la sua anche in fatto di fedi nuziali, simbolo per eccellenza del matrimonio.

Lo scambio degli anelli, si sa, è un momento magico, nonchè, forse, il più momento più solenne della celebrazione e della liturgia del matrimonio: lo scambio degli anelli e, quindi, delle fedi nuziali, è anche il momento dello scambio delle promesse ed è il momento effettivo in cui gli sposi si congiungono in matrimonio, nella buona e nella cattiva sorte, in salute e in malattia.

Le fedi nuziali, emblema della religione cristiana come simbolo di amore eterno, hanno lo scopo di rappresentare il simbolo che rappresentano, l’eternità. Di conseguenza, le fedi nuziali dovranno durare, inalterate nei decenni, come inalterato sarà l’amore tra i due coniugi, attraverso i tempi.

Le fedi nuziali, quindi,  dovranno essere semplici e tondeggianti a rappresentare l’infinito, un cerchio perfetto che non ha né inizio né fine.

In commercio ne esistono davvero molteplici modelli tra cui scegliere per accontentare davvero tutti i gusti!

[Maggiori informazioni sull’argomento le potreste trovare nel mio libro “Event Management & Wedding Planning: Costruire da Zero il Proprio Brand / Tecniche di Creative Marketing ed Avviamento della Realtà Imprenditoriale”  – con il patrocinio di SAA School of Management (Uni.To) – oppure acquistando il mio corso sulla mia piattaforma di e-learning: Event Management & Wedding Planning]

 

Le fedi nuziali e lo scambio degli anelli

Le fedi nuziali e lo scambio degli anelli

 

 

Cenni storici:

L’origine delle fedi nuziali risale all’Antico Egitto e, tramandata, poi, nelle epoche successive, divenne l’emblema del matrimonio in epoca cristiana.

La tradizione vuole che essa venga portata sull’anulare sinistro. Quest’usanza attribuisce l’importanza all’anulare sinistro in quanto pare che proprio su questo dito sia presente la cosiddetta Vena Amoris, vena che collegherebbe questo dito direttamente al cuore.

Un’altra tradizione che legherebbe le fedi nuziali proprio al quarto dito della mano trova le sue radici prettamente nella tradizione cattolica: pare che l’officiante, in origine, sfiorasse prima tutte e tre le dita della mano, partendo dal pollice, nominando la Trinità e infilasse, poi, l’anello benedetto sul quarto dito, l’anulare appunto.

Oggi esistono fedi nuziali più semplici e più elaborate, più sottili o più spesse, in metalli pregiati come l’oro (giallo, rosso, bianco) e il platino. La possibilità di scelta è vasta. Diciamo che il criterio principale da seguire nella scelta delle fedi nuziali è la resistenza al tempo e alle mode come prima cosa e la sintonia con l’anello di fidanzamento (essa, infatti, dev’essere un arricchimento ed un abbellimento di quest’ultimo) subito dopo. La tradizione (risalente al 1700), inoltre, vuole che esse vengano incise con il nome del rispettivo coniuge (o con le iniziali di entrambi) e con la data del giorno del matrimonio.

 

 

Se vi è piaciuto questo articolo, vi potrebbe far piacere leggere antri articoli simili:

Wedding Etiquette: Le Bomboniere matrimonio  

Wedding Etiquette: I Biglietti di Ringraziamento

Wedding Etiquette: gli invitati al matrimonio

Wedding Etiquette: Il taglio della Wedding Cake

Wedding Etiquette: Le fedi e scambio degli anelli 

Wedding Etiquette: La Damigella D’Onore

Wedding Etiquette: Le Feste Prematrimoniali 

Wedding Etiquette: Partecipazioni di Nozze e Bon Ton