FOLLOW US

SEARCH SITE BY TYPING (ESC TO CLOSE)

Wedding Planner - Via Villa della Regina, 4 - 10131 Torino - Viale delle Betulle, 1 - 10048 Vinovo (Torino)
Chiamaci: +39 344 2381831 it
ruen

Skip to Content

Category Archives: Today’s Look

Today’s Outfit: Business Interview

Formal suit, business apparel, fashion, woman, work

Formal suit, business apparel, fashion, woman, work

Settembre si dice sia il Lunedì dell’anno: finiscono le vacanze, più lunghe per i più fortunati e più brevi ed intense per chi non ha potuto assentarsi troppo dagli obblighi lavorativi o dallo studio. Ad ogni modo, Settembre ci regala gli ultimi giorni d’estate in cui si archiviano le valigie e si ritorna alla vita frenetica di tutti i giorni: i ragazzini riprendono le scuole, gli studenti si apprestano ad affrontare un’altra sessione esami, i professionisti riprendono lavoro e… poi c’è chi il lavoro lo sta ancora cercando e si prepara al meglio ad affrontare Settembre, tipico mese di colloqui!

E così Giulia, 25 anni, laureata in economia e marketing, si prepara ad affrontare a breve un colloquio per uno stage presso un noto brand di beauty in una posizione marketing piuttosto creativa e ci scrive per chiederci qualche consiglio sul look da scegliere per un’occasione formale così importante.

 

Allora, per grandi linee le regole base per presentarsi ad un colloquio sono le seguenti:

 

  • Non si sa mai chi avremo davanti come esaminatore, quindi bando agli eccessi: niente di provocante, nulla di estremamente attillato o particolarmente fasciante, niente scollature procaci, nulla di troppo fashion, niente che attiri eccessivamente l’attenzione come luccichii, bijoux eccessivi, tacchi troppo alti… Insomma, durante il colloquio vogliamo essere notate per le nostre qualità intellettive e per le nostre competenze e non per la nostra forma fisica (a meno che non ci stiamo presentando per una posizione da Personal Trainer in una palestra!)

 

  • I tipici colori da indossare per un colloquio sono: il blu e il grigio.Ebbene sì, il classico nero non è un colore considerato tra i più adatti per presentarsi ad un colloquio perché considerato un colore fashion. Dunque sì al nero solo (come nel caso di Giulia) in cui ci si stia presentando per una posizione creativa o comunque per una posizione nel campo della moda.

 

  • Ancora, outfit ideale per un colloquio è il classico tailleur coordinato, tra l’altro un trend di questa F/W 2015 – 2016, o al massimo uno spezzato, sempre con giacca o blazer. Parlando di spezzato, eviterei il jeans, anche se scuro e professionale, per un primo colloquio.

 

  • La scarpa: come accennato prima, non deve avere il tacco troppo alto o troppo sottile (i nostri amati stilettos si godranno un momento di meritata tregua). Sì ad una paperina, se si è snelle e slanciate, e sì al tacco, che snellisce e conferisce sicurezza al portamento e fa sembrare più grandi (spesso e volentieri questo è un piccolo trucchetto necessario per chi, come me, spesso si sente dire che dimostra meno anni di quelli effettivi!) ma un tacco moderato, castigato. Un tacco più sottile va bene se si sceglie una scarpa di altezza 6 cm massimo 7 cm, un tacco più spesso se proprio vogliamo un tacco 8 – 9 cm. Diciamo che il 10cm è il limite invalicabile per un colloquio di lavoro, ma resta comunque sconsigliato scegliere una scarpa più alta dei 7 – 8 cm.

 

Ecco, fatte proprie queste regole d’oro si può valutare la specifica situazione, la persona etc.

Quando andiamo ad un colloquio, infatti, dobbiamo eliminare qualsiasi elemento collaterale che ci metta ulteriore agitazione e dobbiamo essere noi stesse il più possibile.

Per questa ragione, anche il nostro abbigliamento deve dire qualcosa di noi, di chi siamo, dei nostri gusti e della nostra personalità.

Rimanendo nel sobrio e nel rigoroso, se proprio un tailleur coordinato giacca-gonna ci fa sentire tremendamente a disagio, nulla ci vieta di optare per tailleur giacca-pantalone o per uno spezzato, sobrio.

Se proprio siamo delle amanti del colore che proprio ci intristisce vestirci solo di colori scuri, possiamo ravvivare il nostro tailleur blu o grigio con un accessorio più vitaminico (ma sempre in sintonia con il resto dell’outfit) come per esempio un foulard in seta avvolto attorno al collo o annodato attorno al manico della borsa.

La borsa è un altro elemento cruciale del nostro look. Quando ci presentiamo ad un colloquio dobbiamo essere professionali quindi la borsa deve essere sufficientemente capiente per permetterci di portarci dietro tutto il necessaire e sufficientemente rigida per assicurarci che i nostri fogli non si stropiccino. Consegnare un curriculum tutto stropicciato sarebbe la peggior immagine che potremmo dare di noi. Quindi, una postina rigida, piuttosto che una tote andranno entrambe bene e la tracolla da appoggiare su una spalla o comunque i manici larghi (nel caso di una tote), che lasciano liberi mani e movimenti, trasmetteranno serietà e senso pratico, ottime credenziali agl’occhi del nostro futuro datore di lavoro!

Un’altra soluzione, molto smart, potrebbe essere munirsi, all’infuori della nostra borsa, di una busta in pelle di grandi dimensioni come porta documenti, molto professional!

Mi raccomando, mai appoggiare la borsa a terra quando ci si appresta a situazioni professionali! Sarebbe segno di sottomissione e dà l’idea di una persona disordinata e sbadata; né appoggiarla brutalmente sul tavolo, segno di presunzione, arroganza e brutte maniere.

Sono certa troverete una sedia lì nei pressi che non aspetta altro che accogliere la vostra handy!

Infine, per ciò che riguarda il trucco ci rifacciamo al punto 1: niente eccessi! Evitiamo di riprodurre una sedimentata tecnica di Baking sul nostro viso o un marcato Contouring prima di trovarci faccia a faccia con il nostro interlocutore. Niente smoky eyes pesanti e sconsiglio rossetti troppo accesi e vitaminici. Si ad una buona base levigata: un velo di crema idratante, un primer, stendere bene il fondotinta ed il correttore laddove serve, un tocco leggero di matita per dare definizione all’occhio, mascara e un velo di gloss. Una delicata spolverata di blush dagli zigomi verso le tempie (meglio se in crema: utilizzando prodotti in crema si riduce l’effetto “cakey”) ed il nostro trucco da colloquio è pronto.

Le unghie pure saranno un elemento molto importante del nostro look. Giustamente, la tensione del momento spesso ci porta a gesticolare di più. Per quanto sarebbe auspicabile ridurre questi gesti involontari al meno possibile, le nostre mani, e quindi le unghie, saranno in bella vista. Inoltre, si dice che le unghie di un individuo siano lo specchio dell’anima e dicano molto sul suo carattere e sulla sua personalità.

Quindi curare la manicure è davvero molto importante. Una mano curata fa subito un’altra impressione. Sì a preparare la manicure con olio per cuticole ed idratare bene la pelle la sera prima (non vogliamo ritrovarci con le mani appiccicaticce di crema proprio quando dobbiamo stringere la mano al nostro interlocutore) e sì a smalti nude come i tortora, i rosa antichi, i foundation effetc.

 

 

Ecco, questi sono i miei consigli per presentarsi ad un colloquio di lavoro in modo impeccabile, poi, ripeto, al colloquio devono emergere i vostri punti di forza, le vostre sicurezze e quanto siete brave a fare ciò per cui vi state proponendo! Quindi, per quanto l’immagine sia fondamentale, non concentratevi troppo su come apparite ma su ciò che siete realmente e farete un figurone!

 

Spero, cara Giulia, che il post ti sia stato utile e tu abbia trovato i consigli che cercavi. Un altro suggerimento apposta per te, che ti appresti ad uno stage in una posizione creativa, è che le regole suddette non sono poi così vincolanti. Nella tua mail mi hai detto che ami i rossetti e non puoi proprio farne a meno. Ti confesso che anch’io li amo molto e trovo che permettano di restare molto nude su tutto il resto del viso, pur donando grinta e nuova luce all’incarnato. Presentandoti tu in un’azienda in campo Beauty, sono certa che potrai sfoggiare un bel rossetto, leggermente lucido, in tutta sicurezza (abbinato ad una mise sobria come abbiamo detto poco sopra!)

 

Ultima tip per chi si appresta a sostenere un colloquio come la nostra cara amica Giulia: sotto tensione gesticolare diventa un movimento quasi involontario e ci imbarazziamo sempre di più perché non sappiamo dove tenere le mani. Consiglio: tenete una penna nella mano destra, vi aiuterà a stare più ferme, gesticolare al massimo in maniera professionale e sembrare più rilassate e a vostro agio!

 

 

READ MORE

Today’s Outfit: Invitata ad una Cerimonia di Laurea

Graduation invitees, look, fashion, celebration

Graduation invitees, look, fashion, celebration

I giorni scorsi sono stata invitata ad una cerimonia di laurea al Politecnico di Torino.

Sapevo che, dopo la proclamazione, saremmo andati a festeggiare con un veloce aperitivo in una storica caffetteria nella zona.

Faceva anche molto caldo e la giornata si prevedeva ostile nei confronti di un look eccessivamente formale!

Ho voluto costruire un look chic, formale ma non troppo, e soprattutto fresco! 3 caratteristiche non semplicissime da ottenere in un solo outfit mantenendo sempre l’armonia tra nuance e tessuti ed un bilanciato equilibrio nelle scelte stilistiche.

Se siete curiose di sapere quale outfit ho scelto per una Graduation Ceremony, leggete oltre:

Ho scelto di puntare su un tailleur estivo, dalla linea decisamente fitted, ricamato con dei piccolissimi trafori a mandorla, in tinta neutra, un beige.

La giacca, corta e aderente, tenuta aperta con un solo bottone centrale sul davanti e scollatura con revers, ha le maniche tre quarti; il pantalone scende stretto-stretto sulla gamba e arriva fino alla caviglia scoprendo il malleolo, terminando con un piccolissimo spacco baciato.

Ho scelto, poi, un top color latte, lungo fino a sfiorare quasi il bacino, molto leggero, in un tessuto quasi impalpabile, plissettato, con un micro orlo piombato a formare una delicatissima rouge lungo tutta la bordatura. Scollatura a metà tra un girocollo e una scollatura alla coreana, avvolgente attorno al collo per un paio di centimetri, che scende con un taglio all’americana lungo la linea delle spalle.

Come accessori ho puntato su un paio di semplicissimi orecchini, due micro cerchietti in oro giallo incastonati di una pioggia di brillantini come punto luce, e un bracciale-bijoux importante, una fascia golden di circa 8 cm.

Per dare quel tocco leggermente informale e glam (al quale non voglio mai rinunciare), ho scelto di puntare su uno stacco deciso per gli accessori: un sandalo e una clutch in un scintillante rosa Schiapparelli!

Faceva troppo caldo per lasciare i capelli sciolti quindi ho raccolto la chioma in una treccia laterale a lisca di pesce (o a spiga).

Ultimo tocco: sono rimasta estremamente neutra con il make up. Essendo ancora un po’ abbronzata, non ho realizzato una base vera e propria. Ho scelto di puntare solo su una sottile linea di eyeliner e mascara per definire lo sguardo, una terra mat e un rossetto glossato in un color taupe, un rosa antico carico un po’ fangato (quasi con una punta di viola all’interno). Infine, manicure che riprende il rossetto, della stessa nuance.

 

Spero abbiate trovato il post interessante e possiate prendere spunti per le vostre occasioni formali!

Se avete un’occasione speciale e non spaete come vestirvi, o vorreste qualche suggerimento in merito, lasciate un commento sulla nostra company page Silvia Belli – Events oppure scrietemi al [email protected]

Sarò felice di rispondere alle vostre domande e realizzare un post apposta per voi rispondendo alle vostre esigenze!

E, intanto, vi lascio con una gallery di immagini a cui ispirarvi!

 

 

READ MORE

Un matrimonio da favola

Luxury Wedding, glam, shine, fashion, love

Luxury Wedding, glam, shine, fashion, love

All’inizio di Settembre mi aspetta un grande evento! Sarà il matrimonio dell’anno! Un evento molto particolare e sto già facendo le prove dell’abito!

Si tratterà di un matrimonio estremamente glam, molto fashion, by night, su una spettacolare roof location!

La cerimonia comincerà alle ore 18h 00 in un’imponente cattedrale della città, poco distante dalla location del ricevimento.

Più che classica cerimonia, le Nozze a cui parteciperò si presentano come un vero e proprio evento di Gran Gala, fasto e lusso in abbondanza!

Il tema della serata è “sparkles e bagliori”; a differenza, quindi, della classica eleganza sobria e formale normalmente richiesta da un matrimonio classico, qui gli special guests sono invitati ad osare!

Non poteva esserci tema più bello e divertente per un evento di questo tenore!

Il tema e dress code, specificato sull’invito, è tutto basato su luccichii e bagliori inoltre, la tarda ora permette di osare ulteriormente con la lunghezza dell’abito.

Ricordandosi sempre che si tratta comunque di una cerimonia, bisogna tenere a mente che prima del rinfresco si sosterà in un luogo sacro, quindi munirsi di stola o capospalla per coprire la scollatura è doveroso.

Detto ciò, via libera a pencil skirts con bustier steccati e guepieres, tubini midi super-aderenti e fascianti, minidress corti e molto corti, a tubo oppure A-line, abiti in pizzo, tute stravaganti in seta preziosa, tailleur sofisticati e tuxedo decorati ed intarsiati, bustier aderenti in paillettes, … insomma osare, osare osare è la parola d’ordine!

 

 

Ma volete sapere che outfit sceglierò io per questa super occasione?

Indosserò un tailleur Blazer-Pantalone total gold! Un tailleur semitrasparente realizzato interamente in pizzo lavorato intarsiato di gemme e pietre dure e decorato con intrecci di fili in lamè. Come top sceglierò una semplicissima camicetta bianca, in mussola di cotone, elasticizzata ed aderente, senza maniche e con una delicata rouge sul davanti a decorare la chiusura. Bottoncini punto luce.

L’outfit è molto sofisticato ed importante, molto d’effetto, decisamente prezioso e luminoso di per sé. Su questo look, quindi, non indosserò altri bijoux all’infuori dei miei intramontabili punti luce ai lobi fatti a bottoncino ed un anello, anch’esso punto luce.

Per non fare variazioni sul tema e restare su un look total gold, come scarpa sceglierò una décolleté classica dall’altezza vertiginosa, sempre dorata, e come pochette punterò su una clutch in raso golden semplicissima, dolcemente morbida, e di forma trapezoidale con una chiusura semplicissima e senza fronzoli in modo da non distogliere l’attenzione dall’outfit.

 

Spero vi sia piaciuto il post e vi sia utile semmai doveste trovarvi anche voi a dovervi preparare per un evento simile!

Se avete un matrimonio imminente per il quale non sapete proprio che look scegliere, lasciate un commento sulla mia pagina facebook Silvia Belli – Events oppure contattatemi all’indirizzo   [email protected]!

Sarò lieta di preparare un post adatto alla vostra specifica occasione d’uso!

 

 

 

READ MORE

Today’s Outfit: un meeting informale

Fashion, glam, ideas, woman

Fashion, glam, ideas, woman

Mi sto preparando per un appuntamento di lavoro informale. Dovrò incontrare un’esperta in Visual Merchandising per prendere accordi sull’allestimento del mio spazio durante i giorni del Salone. All’appuntamento saranno presenti lei ed una sua collega Architetto e sarà il nostro primo incontro di persona.

Questa sarà la mia occasione d’uso di Giovedì mattina e devo trovare un look adeguato!

Per farlo, come sempre, farò riferimento agli elementi fondamentali da prendere in considerazione quando si sceglie un outfit, di cui ho parlato nel primo post di questa sezione (lo potrete rileggere cliccando su questo link: https://silviabelli.com/blog/todays-look/).

Sarà un incontro rilassato ed informale (tema e tono dell’evento), ai tavolini di una splendida caffetteria proprio di fronte al mio studio (il luogo) in una calda mattinata d’estate.

Non conosco ancora le persone che incontrerò tuttavia, avendo già parlato alcune volte al telefono, ho potuto farmi un’idea della persona che avrò davanti: una donna giovanile, molto energica e piena di vita. Ma al momento non so altro sul suo stile. Bisogna considerare che è una professionista che lavora, quello con me sarà soltanto il primo degli incontri che avrà in giornata, quindi sarà in tenuta da lavoro. Per questa ragione, per non porre distanze con l’interlocutore e non rischiare di farlo sentire a disagio, punterò su un look piuttosto semplice, senza eccessi.

Come avrete capito leggendo i miei post, io adoro il blazer! Lo trovo perfetto e adatto per ogni occasione: dona grinta, eleganza, e conferisce anche al look più casual un tocco glam, chic e professionale.

 

Tuttavia le meravigliose temperature estive impongono una scelta diversa! Punterò su un look un po’ vintage, un po’ classico e con un tocco hippie per rendere il tutto attuale e fresco!

Partirò, quindi, da una gonna, abbastanza corta (poco al di sotto di metà coscia), a vita alta come punto di partenza. Una gonna a righe sottili, bianche e blu scuro, frapposte da sottilissime catenine golden, un altro acquisto del mio periodo Londinese!

Come top, sceglierò una canotta bianca molto semplice, anch’essa di cotone leggero, leggermente morbida.

Come scarpa punterò su un sandalo ultra flat, ispirato al mondo hippie, con cinturino alla caviglia decorato da piccole foglioline gold. Per riprendere l’allure un po’ hippie, decisamente a contrasto con la classicità del resto dell’outfit, raccoglierò i capelli in uno chignon disordinato sulla testa, lasciando libero solo il ciuffo laterale (acconciatura semplice e ideale che per proteggersi dal caldo!).

Passiamo agli accessori!

Ai lobi non rinuncio ai miei brillantini a bottoncino come punti luce e al collo indosserò un cimelio antico: una lunga catena doro che sorregge un antico orologio da taschino da uomo, anch’esso dorato.

Al dito, una sottilissima fedina decorata con due brillantini a forma di cuore, uno classico ed uno rosato; un anello che avevo da bambina e ho fatto allargare alcuni anni fa, al quale tengo molto.

Sceglierò un occhiale da sole retrò; un occhiale in cellulosa nero, molto lineare, con montatura dolcemente squadrata, morbida e arrotondata sugli spigoli. Lenti scure.

Infine la borsa: è un incontro professionale e di mattina quindi le dimensioni questa volta non sono un vincolo. Siccome sarò in auto, e posso riporre nel baule altri oggetti importanti da cui non mi voglio separare, posso permettermi di optare per una busta, modello di tendenza anche nella prossima FW 2015-2016. Una busta abbastanza grande (larga circa 30 cm e alta 20) in pelle lavorata e intarsiata, tinta antracite. Questo è stato un acquisto impulsivo di alcuni anni a dietro. Ero in vacanza in Costa Azzurra e mi trovavo a gironzolare per un borgo medievale, molto caratteristico. Mi pare fosse in corso una festa padronale e, per i vicoli di questa antica fortezza, era allestito un incantevole mercatino vintage: antichi gioielli, pezzi di artigianato, capi di abbigliamento splendidi per ricreare looks anni 30 fantastici! Io adoro i mercatini vintage. Spulciando si possono trovare pezzi preziosi, bellissimi e soprattutto unici e introvabili. E così, su una bancharella di vecchi cimeli, collane, scrigni e calici di cristallo ho trovato, in un angolo, questa meravigliosa pochette che mi ha subito rapito il cuore! Doveva essere mia!

 

Ecco, questo sarà il mio outfit per il mio incontro informale di lavoro di Giovedì mattina!

Spero di avervi suggerito qualche spunto utile a cui ispirarvi anche per i vostri meeting informali!

 

Ecco alcuni outfit simili al mio, basati sul concetto top-gonna, che potrei consigliare per una situazione semplice ed informale come la questa, in una calda mattinata estiva!

 

 

READ MORE