FOLLOW US

SEARCH SITE BY TYPING (ESC TO CLOSE)

Wedding Planner - Via Villa della Regina, 4 - 10131 Torino - Viale delle Betulle, 1 - 10048 Vinovo (Torino)
Chiamaci: +39 344 2381831 it
ruen

Skip to Content

Category Archives: Beauty

“The Book of Style: Impeccabili ad ogni occasione d’uso”

Care amiche e cari amici, sono ad annunciarvi la tanto attesa uscita del mio nuovo libro “The Book Of Style: Impeccabili ad Ogni Occasione D’Uso”, presto reperibile in tutte le librerie d’Italia. L’uscita del manuale, prevista per la seconda metà di Novembre 2016, porterà con sé tanti consigli di bellezza per chi desidera abbracciare questa magnifica professione, per chi desidera mettersi in gioco, rivoluzionare la propria immagine e ritrovare un’immagine incisiva e convincente (per spendersi meglio sul lavoro e nella vita privata) o per chi, molto semplicemente, si incuriosisce all’idea di mixare colori e stampe!

Una parentesi importante sarà rivolta al guardaroba di Lei e di Lui, con i “mai più con” ed i “mai più senza” suggeriti dalla nostra Fashion Stylist e Consulente d’Immagine e, a seguire, un’area tutta dedicata alla sposa (Bride) e allo sposo (Groom) per fare un po’ di chiarezza su ciò che questo magico mondo del Wedding ci riserva!

Quindi Signore e Signori, non mi resta che auguravi una buona lettura con uno stralcio del libro e qualche annotazione in più redatta ad hoc per questo post con una corposa gallery di immagini per spiegare visivamente dei concetti teorici (e scientifici!). Ebbene si, l’Analisi Cromatica, analisi importantissima in un percorso di Consulenza d’Immagine, non è solo un opinione; si è dimostrato quanto questa precisa analisi abbia dei fondamenti scientifici e regole precise. Tutto sta nel sviluppare la giusta sensibilità nella percezione dei “colori amici”.

Se vi ho incuriosito con questo breve accenno, leggete oltre e reperite il libro: vi aprirà le porte dello Stile! (Anche per voi maschietti!)

 

(…)

CHAPTER II
ANALISI CROMATICA O ANALISI DEL COLORE

Di che cosa si tratta e come funziona

La percezione visiva avviene all’interno del nostro cervello. II colore è, quindi, una “sensazione” ed esso è percepito diversamente da persona a persona. Il linguaggio dei colori è un codice universale. Attraverso l’Analisi del Colore, riusciamo ad individuare le vostre sfumature e i vostri colori “amici”, ovvero i colori più adatti, che meglio si sposano ai vostri colori naturali.

La selezione dei colori più adatti contribuisce a donare maggiore armonia, incisività ed efficacia alla vostra immagine, esaltando, al contempo, la vostra naturale bellezza.

 

ESEMPIO
Prendiamo ad esempio la bellissima Emma Stone, una bellezza molto particolare. Emma è una delle celebs più versatili: cambia spesso colore di capelli e sperimenta con il make up però in modo sempre studiato ed impeccabile. Emma è naturalmente bionda ma ha una carnagione con un sottotono tipico delle rosse; per questo i suoi colori naturali si avvicinano moltissimo a quelli di una tipica rossa. Nella foto qui sotto, illustro uno swatch ridotto dei suoi colori “amici”.

POST - TRATTO DAL SAGGIO CONSULENZA DI IMMAGINE _ SILVIA BELLI_ ANALISI CROMATICA

POST – TRATTO DAL SAGGIO CONSULENZA DI IMMAGINE _ SILVIA BELLI_ ANALISI CROMATICA

 

L’Analisi del Colore serve per:

–   Migliorare l’immagine ed esaltare la naturale bellezza

–   Conferire armonia all’immagine

–   Rafforzare l’identità comunicativa, rendendo l’immagine più efficace e self confdent

Ciascun individuo possiede dei colori naturali che lo contraddistinguono; ciascuno di noi ha un colore di capelli, di occhi, uno speci co tono della pelle, un sottotono etc.
Acquisire consapevolezza dei nostri colori naturali è fondamentale. Questo ci aiuta a definire i colori e le sfumature “amiche” che esaltano la nostra armonia e la nostra bellezza.

Queste sfumature “amiche”, che si sposano bene con i nostri colori naturali, verranno scelte per combinare i vostri look, abbigliamento e make up e riflettere un’immagine armonica.

 

ESEMPIO
Tornando alla nostra Emma Stone, notiamo come sa perfettamente quali siano i suoi colori amici e per questo sceglie spesso tonalità nude, verdi e rosse per abiti e make up che esaltano la sua bellezza naturale, con semplicità e delicatezza.

POST - TRATTO DAL SAGGIO CONSULENZA DI IMMAGINE _ SILVIA BELLI_ ANALISI CROMATICA

POST – TRATTO DAL SAGGIO CONSULENZA DI IMMAGINE _ SILVIA BELLI_ ANALISI CROMATICA

 

POST - TRATTO DAL SAGGIO CONSULENZA DI IMMAGINE _ SILVIA BELLI_ ANALISI CROMATICA

POST – TRATTO DAL SAGGIO CONSULENZA DI IMMAGINE _ SILVIA BELLI_ ANALISI CROMATICA

 

POST - TRATTO DAL SAGGIO CONSULENZA DI IMMAGINE _ SILVIA BELLI_ ANALISI CROMATICA

POST – TRATTO DAL SAGGIO CONSULENZA DI IMMAGINE _ SILVIA BELLI_ ANALISI CROMATICA

 

ESEMPIO

Dato il suo incarnato e i suoi colori naturali tipici di una rossa, notiamo come Emma, pur essendo bionda naturale, risulti arti ciosa “forzando” i colori naturali, tingendosi bionda e abbinandovi un make up molto bambola, sul rosa/fucsia freddo, mentre risulti eterea, armoniosa e naturalmente splendida con dei “MLBB” (my lips but better lipsticks) pigmentati più verso il rosso ed una tonalità di capelli più ramata e calda.

L’Analisi del Colore è principalmente basata su un’attenta osservazione da parte di occhi esperti. L’osservazione permette di stabilire i colori più adatti a ciascun cliente. Questo servizio viene svolto a diretto contatto con il cliente e si rivolge sia a un pubblico maschile che femminile.

Il colore condiziona il modo di pensare, agire e reagire di un individuo. Sono molteplici i bene ci apportati da una corretta Analisi del Colore e gli effetti sono visibili in termini di bellezza ed equilibrio.
Un’errata scelta di nuance, in contrapposizione ai nostri colori naturali, ri ette sulla nostra pelle un colore grigiastro/verdastro e provoca inevitabilmente la perdita di lucentezza e freschezza e risulteranno accentuati i difetti (come occhiaie, rughe e macchie).

 

ESEMPIO

Ecco Cheryl Cole con uno splendido make up nude ed un MLBB (My Lips But Better) lipgloss: Cheryl Cole con una pelle media e dai toni piuttosto caldi starebbe malissimo con dei rossetti freddi o eccessivamente chiari rispetto alla pigmentazione delle sue labbra. La vedremo spesso con dei MLBB sulle nuance del rosa, del mattone, sia glossati che matte, talvolta dei rossi intensi e dei prugna profondi ma sarà ben difficile vederla con dei rosa bubblegum! Cheryl sa esattamente valorizzare la propria bellezza (si dice che sia lei stessa a truccarsi per gli eventi da Red Carpet!).

CHERY COLE

 

ESEMPIO
Guardate come la scelta del correttore del colore sbagliato può andare ad evidenziare un difetto anziché migliorarlo: ecco la nostra Eva Longoria prima in versione raggiante e armoniosa, poi con un correttore troppo bianco rispetto alla sua carnagione e rispetto all’utilizzo che ne deve fare (si sa che un correttore molto chiaro è adatto ad una pelle chiara con poche occhiaie; per contrastare occhiaie scure è necessario utilizzare prodotti con una pigmentazione più rossastra – in Corea le make up artists applicano addirittura il rossetto rosso! – mentre per combattere lievi rossori, come acne, cuperose etc, è meglio usare un correttore verde abbinato ad un primer, sempre verde!)

POST - TRATTO DAL SAGGIO CONSULENZA DI IMMAGINE _ SILVIA BELLI_ ANALISI CROMATICA

POST – TRATTO DAL SAGGIO CONSULENZA DI IMMAGINE _ SILVIA BELLI_ ANALISI CROMATICA

 

 

ESEMPIO

Guardiamo anche l’incantevole Jennifer Lopez, regina dei colori nude che porta divinamente sulla sua carnagione ambrata, come sembra più stanca, spenta e grigiastra con un gloss rosato-freddino, di un tono più chiaro rispetto al suo incarnato e rispetto alla pigmentazione delle sue labbra. Invece, notate come viene esaltata la sua bellezza attraverso l’uso di colori accesi e vibranti (che risplendono sulla sua carnagione ambrata) oppure, al contrario, con la scelta di nude tendenti al beige (quindi sui toni caldi).

jennifer lopez

 

Facendo attenzione a tutti questi dettagli, noterete, infatti, come, utilizzando make up ed indossando abiti nelle nuance confermate dall’Analisi Cromatica, la vostra carnagione apparirà più levigata, compatta e radiosa, e i capelli acquisteranno brillantezza. Anche gli occhi risulteranno più luminosi e brillanti.

Non è magia! Bensì, come abbiamo detto, il colore non è un qualche cosa “a priori” bensì è una percezione visiva. Accostando i colori giusti rispetto ai nostri colori naturali, raggiungeremo un risultato armonico ed esalteremo, in maniera naturale, la nostra bellezza naturale.

La gamma di colori determinata dall’Analisi Cromatica dovrà essere composta di tinte, in armonia fra loro, capaci di intensi care il proprio effetto a vicenda.

 

Nell’effettuare l’Analisi Cromatica, molta attenzione verrà conferita alla pigmentazione della pelle e agli effetti ottici creati dai contrasti tra i colori naturali dell’individuo e i colori scelti.

Fondamentale sarà anche la valutazione esatta del colore naturale dei capelli e di quello degli occhi.

 

(…)

READ MORE

Red Lipstick dal finish matte

Beauty, lipstick, red passion, beauty, sexy, love

Beauty, lipstick, red passion, beauty, sexy, love

Oggi parliamo make-up e, in particolar modo, di un pezzo cult di oggi e di ieri: The Red Lipstick!

Elemento centrale del look, ravviva l’incarnato, conferisce eleganza ad un look casual chic, conferisce quel tocco sexy ad un look piuttosto sobrio. Insomma, il rossetto rosso è da sempre simbolo di passione, sensualità e catalizza l’attenzione. Ma ora, volendo anticipare la nostra gallery di immagini con un breve excursus storico, possiamo simpaticamente evidenziare i momenti principali nella vita dell’intramontabile red lipstick.

Innanzitutto, da sempre l’uomo ha sentito la necessità di distinguersi e, insieme a gioielli, abbigliamento e decorazioni varie, il rossetto e i cosmetici sono sempre stati il modo più evidente per evidenziare dei tratti del proprio aspetto e mettere in risalto la propria personalità.

1. Volendo fare un salto proprio alle origini di questo eccezionale cosmetico, si è stabilito che le prime donne ad utilizzare il lipstick in questa forte tonalità scarlatta appartenessero alla civiltà legata alla Grande Mesopotamia: qui troviamo, infatti, i primi prototipi realizzati con piante e rimedi del tutto naturali.

2. Facendo, poi, un salto ben in avanti nei tempi arriviamo nel periodo del Medio Evo e dei Secoli Bui: nell’Europa cattolica di questo periodo il rossetto rosso era bandito dalla Chiesa considerato abbellimento per prostitute.

3. Siamo nel 16esimo secolo quando, durante il trono di Queen Elisabetta I, le labbra scarlatte a decorare un viso pallidissimo e chiarissimo di porcellana diventano tipica moda della nobiltà e dell’alta aristocrazia.

4. Durante il 18esimo secolo, invece, in base ai criteri della “Piramide dello Sgocciolamento” (modello secondo cui le mode nascono dall’alto e, pian piano, scendono nella scala sociale e, nell’alta aristocrazia si introduce una moda diversa che, negli anni, scenderà di moda nella fascia media e poi bassa della popolazione e avanti così come un circolo vizioso) la moda di rendere le labbra rosse diventa dominante nei ceti medio-bassi della popolazione.

5. Il 1884 è un anno di vera svolta per il rossetto rosso: Guerlain, importante maison cosmetica di lusso, produce il primo esemplare di rossetto rosso commerciale (anticipatore dei rossetti che esistono oggi)! Si tratterebbe di un prodotto in crema, non in tubo (come il classico rossetto che conosciamo noi). Si presenterebbe, piuttosto, in forma cremosa da applicarsi con un sottile pennellino.

6. Tra i 1880’s e il 1915 in America il rossetto viene sdoganato nella vita di tutti i giorni. Le donne americane, prendendo inizialmente spunto dalle attrici, iniziano ad utilizzare il rossetto rosso nella everyday life come elemento imprescindibile del look e, proprio nel 1915, esce in commercio il primo rossetto con applicazione moderna in tubetto metallico, come i rossetti che conosciamo noi oggi.

7. Solo negli anni 1920’s, grazie alla evolversi dell’arte fotografica, il rossetto rosso viene sdoganato anche in Europa.

8. Nel 1950 un farmacista americano di nome Hazel Bishop inventa il primo long lasting non shimmering lipstick.

E, dopo questo excursus, arriviamo ad oggi, dove il rossetto rosso viene davvero utilizzato come punto focale di un look per ravvivare e conferire eleganza ad un look sobrio e ravvivare l’incarnato!

Ecco, come già detto più volte, il rossetto rosso è un catalizzatore di attenzione e rimane il protagonista indiscusso del look; per questa ragione, se non vogliamo sconfinare in un’effetto witch nel giorno di Halloween dobbiamo rimanere tendenzialmente neutre nel resto del viso.

Se una volta esistevano esclusivamente i rossetti, oggi abbiamo ampia scelta tra lipstick matte, dal finish lucido o shimmer e lip gloss. E ognuno chiama un suo trucco. Un lip gloss, anche molto saturo, è solitamente meno impegnativo di un rossetto matte. Il rossetto matte, invece, per il suo finish elegante e per la saturazione e opacità che lo caratterizzano è, e deve essere, il punto focale e protagonista assoluto del make up.

Base

Quando si sceglie di puntare su una nuance così decisa e forte è ideale lasciare il resto del viso molto basico. L’ideale è ricreare una buona base, anche lavorata, piuttosto chiara e resa anch’essa matte con un tocco di translucent powder.

Occhi

Dopo di che, passando agl’occhi, il consiglio è di rimanere molto basic: realizzare un cat-eye con un filo di eyeliner sarà più che d’impatto! Se, invece, non amate le linee grafiche e preferite sfumare il prodotto, potrete optare per l’applicazione di una matita nera, sfumandola, poi, con un ombretto color champagne ad incorniciare l’occhio. E infine, tanto mascara!

Sopracciglia

Per le sopracciglia, se siete abbastanza esperte potete disegnarle con un velo di matita o prelevando, con un brush molto sottile,  un velo di ombretto direttamente dal pot. Altra soluzione facilissima e per tutte, esistono in commercio dei prodotti favolosi: dei mascara per sopracciglia che non fanno altro che renderle più definite, più folte e più scure in una sola passata! Personalmente ero molto scettica nei confronti di questi mascara. Avendo abbastanza manualità, ho sempre prediletto il primo buon vecchio metodo. Tuttavia mi sono affidata ad un make up artist geniale i giorni scorsi per un evento importante e me ne sono innamorare davvero!

Terra e Blush

Infine, ultimo punto: scolpire il viso con un leggerissimo contourning applicando, con un pennello piatto, diagonalmente, un po’ di terra nella zona tra lo zigomo e la mandibola sfumando, poi, bene con un pennello a setole morbide e facendo attenzione a non avvicinarsi troppo alla zona centrale del volto. (Tip: per sapere dove fermarvi con il tracciato, immaginate una linea verticale che scende dal centro della pupilla lungo fino – ed oltre –  alla mandibola. Ecco, quando tracciate la vostra diagonale, fermarsi sempre quando si arriva ad intersecare quella linea immaginaria! E’ molto importante rispettare questa regola proprio per mantenere le giuste proporzioni del viso. Ignorare questo punto andrebbe a compromettere la buona riuscita del vostro contourning andando a ricreare un effetto spiacevole, allargando e infossando il viso proprio laddove vorremmo metterlo in risalto!).

Come tocco finale, infine, applicare, con i polpastrelli, sugli zigomi, un velo estremamente sottile di blush in crema color pesca (altra tip super importante: ricordatevi sempre di sorridere quando applicate il blush! I muscoli tensori del viso in questa posizione ne permettono un’applicazione perfetta!) ed il look è fatto!

Questi sono i miei consigli per ricreare un look impeccabile e semplice da realizzare, evidenziando la naturale luminosità del volto, mettendo in evidenza gli occhi definendoli in maniera iper naturale e lasciando il nostro ammaliante red passion lipstick come unico protagonista del nostro look! Ma ora vi lascio alcune immagini d’ispirazione!

 

Care amiche, io resto a vostra disposizione per qualsiasi domanda o dubbio: se avete qualche argomento specifico di cui vi piacerebbe parlare, lasciate un commento qui sotto! Potete anche scrivermi su facebook (https://www.facebook.com/silviabellievents) o ancora scrivermi in privato all’indirizzo [email protected].

Sarò felice di rispondere alle vostre richieste e ai vostri dubbi con un post specifico scritto apposta per voi!

 

READ MORE

Make up & fashion: an amazing comb!

Make up e accessori fluo, fashion, glam, come ravvivare un outfit basico

Make up e accessori fluo, fashion, glam, come ravvivare un outfit basico

Con questo post desidero comunicarvi un piccolo trucco estremamente d’impatto che d’estate ha terreno fertile!

In campo di nail art, normalmente tendo a preferire smalti piuttosto “classici” e senza tempo, raffinati chic ed eleganti, ottima scelta, d’altronde, per tutte le età.

In più, siccome sono molto impulsiva nella scelta dell’abbigliamento e non preparo quasi mai i vestiti del giorno successivo la sera prima, tendo a preferire nuance nude che non creano un vincolano nelle scelte di colore per il resto dell’outfit: a

mo molto tutti i nude, i powder pink, i rosa lattiginosi che rendono la manicure impeccabile, fresca, pulita e morbida; uso sovente anche i foundation gel effect, e amo moltissimo i fango, i tortora e i rosa antichi piuttosto carichi; quando voglio staccare e realizzare un look più costruito scelgo un rosso intenso, anch’esso molto classico.

Queste scelte in quanto il più delle volte sfrutto il make up (e quindi lo smalto) come una raffinata cornice di un outfit a cui desidero dare particolare risalto.

Ma vediamo invece una situazione opposta.

 

E’ possibile valorizzare un outfit molto basico e donargli grinta e vitalità proprio attraverso il make up!

Spesso e volentieri giocare con colori accesi sulle unghie o sulle labbra, che richiamano un’altra tonalità che abbiamo addosso, crea un movimento giocoso molto d’effetto!

 

Vediamo come…

 

L’estate spalanca i portoni a questo gioco di colori e dà via libera alle più pazze scelte in campo di tonalità!

Una scelta estremamente glam è puntare su tonalità fluo. Le tonalità fluo per eccellenza sono il shocking pink e highlighter yellow (giallo evidenziatore).

Il gioco sta proprio qui: nell’abbinare una nuance così pazza ad una clutch o ad una shoe ed al make up, scegliendo di puntare su smalto oppure rossetto (mai tutti e due perché si appesantisce il look).

 

Look 1

Prendiamo, per esempio, un look molto fashion ma anche super basico: un raccolto spettinato, un occhiale da sole scuro con lenti maxi, un po’ retrò, lunga gonna plissettata in chiffon color cipria, abbinata ad un top a canotta bianco, aderente e infilato dolcemente nella gonna; ai piedi, sneakers bianche.

Ora, ravviviamolo con un tocco di colore: qui, punterei su una clutch fatta ad envelope su stampa cocco in tonalità fluo! Personalmente preferisco il rosa shocking (forse perché ho una carnagione molto chiara e mi sta meglio), ma anche il giallo fluo è estremamente di tendenza.

 

Look 2

Un altro look potrebbe essere questo: prendiamo sempre, come punto di partenza, una gonna, questa volta ampia e voluminosa, un modello a ruota a vita alta in tulle di un color a metà tra un rosa antico carico e un viola sporco, con una punta di grigio (mia mamma lo chiamerebbe “il color del vento” , risolve in fretta quando non sa come definire un colore! Io lo potrei definire un taupe, rosato antico, un po’ violaceo.); il nostro top a canotta, lavorata a sottilissime costine, bianco e con una modesta scollatura ad “U”. Una treccia a spiga (o a lisca di pesce) laterale con ampio ciuffo voluminoso sulla fronte e via.

Per ravvivare questo look potremmo puntare su una “parure” di clutch e décolleté: una busta fluo, magari la stessa che abbiamo descritto nel look precedente, oppure uno scrigno con chiusura ad anelli, molto punk-rock, da abbinare poi con una “classica” shoe di vernice fluo in nuance! Qui resteremo estremamente nude con il nostro make up: un velo di gloss di burrocacao sulle labbra ed un powder pink sulle unghie.

 

Look 3

Infine ancora un esempio: prendiamo una pencil skirt a vita alta e di lunghezza midi in cotone elasticizzato, nera, e la abbiniamo ad una T-shirt bianca con lettering infilata nella gonna. Una décolleté classica dal tacco altissimo (come richiede la lunghezza midi) color cipria e poi? E poi ravviverei questo look con una busta rosa shocking, magari con una bordatura di catene o micro borchie e lipstick accesso, in nuance!

 

Ecco, questi tre esempi proposti racchiudono un piccolo ma importantissimo segreto:

  • Se decidiamo di abbinare una purse al nostro make up allora sceglieremo di puntare sulla nail art;
  • Al contrario, se è invece puntiamo su una scarpa in una nuance particolare, ottima scelta sarà scegliere di smaltare le labbra, lasciando la manicure nude;
  • Se scegliamo già scarpa e borsa in nuance, meglio restare nude con il resto del make up per non caricare troppo;

 

Spero questo simpatico post sia stato di vostro gradimento.

Un tocco di pazzia in queste meravigliosamente calde giornate estive è non soltanto lecito bensì doveroso e quindi, osiamo!

READ MORE

Occhi rossi? No problem!

Make-Up, Base perfetta, Trucco, Fashion, Strobbing

Make-Up, Base perfetta, Trucco, Fashion, Strobbing

Ecco alcuni consigli per chi convive con il dramma degli occhi irritati e rossi!

Chi trascorre diverse ore allo schermo o chi ha gli occhi particolarmente sensibili o, ancora, è allergico, spesso combatte contro gli occhi rossi. Il trucco, le polveri, il Kajal, la matita… sono spesso fattori che accentuano il rossore dei nostri occhi facendoci apparire delle mezze zombie. (Tra l’altro è scientificamente provato che trucchi dalla pigmentazione nera sono ancor più irritanti.).

Il trucco non solo aumenta l’irritazione ma ne esalta anche il rossore! Per chi ha spesso gli occhi rossi, quindi, ideale sarebbe optare per un make up naturale vedo-non-vedo che definisca appena appena il contorno dell’occhio per allungarne la forma (un velo di ombretto color champagne e giusto una linea sottile di eye-liner, possibilmente in gel, sulla palpebra mobile a filo con l’attaccatura delle ciglia e tra le ciglia stesse, partendo da metà occhio verso l’esterno) ponendo l’accento, piuttosto, sul resto del viso e su una base impeccabile, perfetta, fresca e luminosa, ottenuta con i dovuti prodotti d’inverno e con la tecnica dello strobbing d’estate (tecnica che alleggerisce il visto evitando l’accumulo di prodotto dovuto al sebo in eccesso causato dal caldo e dall’afa delle calde giornate estive, sconsigliata solo a chi già soffre di pelle molto grassa).

Osare, poi, col rossetto per donare maggiore luminosità e vivacità al volto (tip: colori accesi sulle labbra danno un aspetto al volto più riposato e fresco! Attenzione agli aranciati: molto belli ed estivi ma da evitare se non si hanno denti proprio bianchissimi). Inoltre è importante ricordarsi uno step fondamentale: far precedere, alla stesura del rossetto, la matita applicata non solo sul contorno labbra ma su tutte le labbra sfumando bene verso l’interno (matita del colore stesso del rossetto, ovviamente).

 

Ecco qui alcuni esempi tratti dal profilo Instagram del magico M.U.A di origine vietnamita (ma Canadese di adozione) Hung Vanngo: a mio avviso sono tra i trucchi più belli, facilissimi da portare, adatti a qualsiasi occasione d’uso e non troppo difficili da ricreare anche da mani non troppo esperte!

Da notare come Hung Vanngo ricrea sempre basi molto naturali e luminose, non abusa del contourning (dona profondità al volto con un leggero tocco di terra), non utilizza ciglia finte e utilizza il blush non solo sugli zigomi ma anche su tutta la gota sfumandoli verso le tempie (nb. sempre blush molto chiari, predilige i toni del pesca e rosa chiaro).

 

 

 

 

READ MORE