Victorian Mood, Trend FW 2015-2016, Ruche and Ruffles

Victorian Mood, Trend FW 2015-2016, Ruche and Ruffles

Quella proposta dalle collezioni F/W 2015-2016 è una donna sospesa tra passato e presente: oltre al ritorno delle linee MOD, all’influenza degli anni ’70 e poi ’80, protagonisti sulle runaway di alta moda sono abiti, tagli e dettagli d’ispirazione Vittoriana, resi moderni mediante giochi di sovrapposizioni, talvolta eccessive, e trasparenze strategiche, bijoux importanti e contrasti con vestibilità aderenti.

L’Epoca Vittoriana, infatti, torna a fare tendenza. L’opulenza di questo periodo viene resa attraverso tessuti preziosi: c’è un gran ritorno del velluto e del broccato, maniche a sbuffo, colletti rigorosi chiusi fino all’ultimo bottone, balze e ruche longitudinali importanti, polsini elaborati e trasparenze, corsetteria e bustini, e chi più ne ha più ne metta!

Nella real life è impensabile riproporre alla lettera questi abiti così appariscenti e fisicamente giganti come quelli proposti dalle runaway, sovente arricchiti con sfarzose piume! Spesso vediamo sfilare capi più vicini ad abiti da scena che couture indossabile anche dalla più eccentrica di noi!

Ma vediamo come possiamo ispirarci a questo trend per le nostre occasioni d’uso!

Sono sempre stata molto affascinata da questo periodo storico: corsetti strettissimi, lacci e fiocchi, pelle incipriata, di porcellana, acconciature elaborate… Ricordo, ai tempi di una delle mie prime collezioni di pret a porter disegnata, mi ero ispirata proprio all’Epoca Vittoriana: avevo realizzato una collezione di pret a porter F/W 2013-2014 ispirata al Mood Vittoriano caratterizzata da camicie trasparenti in tessuti impalpabili impreziosite da importanti ruche e alti colletti rigorosi chiusi fino all’ultimo bottone,  maniche a sbuffo, preziosi inserti in broccato e damasco. Oggi, scrivendo questo post, mi sembra di rivivere quel periodo bellissimo della mia vita ritrovando, sulle passerelle odierne, tanti trend che all’epoca avevo individuato! (Una sensazione un po’ nostalgica e un po’ di timido orgoglio!)

 

 

Collezione personale FW 2013 - 2014 Ispirazione Epoca Vittoriana Victorian Mood

Collezione personale
FW 2013 – 2014
Ispirazione Epoca Vittoriana
Victorian Mood

Collezione personale FW 2013 - 2014 Ispirazione Epoca Vittoriana Victorian Mood

Collezione personale
FW 2013 – 2014
Ispirazione Epoca Vittoriana
Victorian Mood

Victorian Mood, Trend FW 2015-2016, Ruche and Ruffles

Victorian Mood, Trend FW 2015-2016, Ruche and Ruffles

 

 

 

 

Ma, ora, torniamo a noi!

 

Le maniche a sbuffo

La manica a sbuffo è un dettaglio che mi piace molto, sia su una camicetta che – specialmente – su un blazer, ed è un trucco glam per ispirarsi a questo periodo storico in maniera attuale e indossabile.

È importante sottolineare, però, che non è facile da indossare su tutti i fisici e bisogna fare molta attenzione a rispettare le proporzioni: se si ha la fortuna di essere minute e con spalle proporzionate via libera alla creazione di un po’ di volume! (Se invece si hanno già spalle importanti, sconsiglierei di andare ad aumentarne le dimensioni.).

Personalmente, consiglio questo dettaglio prevalentemente su un blazer. Questa scelta è semplicemente dovuta al fatto che (a meno che la stagione e le temperature lo permettano) difficilmente giriamo solo con una camicetta e la manica a sbuffo, indossata sotto un capospalla più o meno pesante, si appiattisce creando un effetto bruttino, quasi un po’ stropicciato e trasandato. Ad ogni modo, un blazer con manichina leggermente a sbuffo dà subito un “che” di elegante conferendo al portamento una maggior sicurezza.

Scegliendo di creare volume in punta alla spalla, il blazer dev’essere, poi, abbastanza corto: deve scendere fino alla prima linea del bacino, non al di sopra (a meno che non si tratti di una giacca corta quasi a vita) ma non scendere al di sotto di questa linea immaginaria, se no, altrimenti, si allungano le proporzioni creando un brutto effetto ottico.

Io ho acquistato ben 3 giacche di questo modello! E’ una linea molto versatile. Ecco un paio di modi per indossarla al meglio:

Per chi è meno freddoloso, un modo molto chic per valorizzare questo capo è indossalo con una camicetta morbida color bianco-latte (un panna, per intenderci) con inserti in nero, dalla linea destrutturata, in georgette, con abbottonatura frontale (caratterizzata da piccoli bottoncini rivestiti) e colletto rigoroso abbottonato fino all’ultimo bottone.

A seconda dell’occasione, possiamo, poi, abbinarvici un paio di skinny jeans di colore blu scuro con una bella ballerina (che riprenda un colore dell’outfit) oppure scegliere un pantalone, sempre fitted, in tinta unita che riprenda il colore della giacca (molto raffinato) ed indossarlo con una splendida pantofola in velluto. Ancora un’altra soluzione potrebbe essere optare per un pantalone attillato a sigaretta, che scopra rigorosamente la caviglia, a fantasia micro-printing. Quest’ultima soluzione è molto chic anche perché permette di giocare con un bel foulard, in tinta, avvolto e annodato attorno al manico della nostra handbag, molto lady!

Come accessori, completerei un look di questo genere così:

Essendo un look molto elegante e raffinato ma comunque giorno, suggerisco una handbag di colore scuro (nera o grigio antracite), in pelle liscia o lavorata o stampa cocco, rigida di medie dimensioni. Ammessa anche una borsa un po’ più grossa per chi, come me, non riesce proprio farne a meno!

Come gioielli punterei su un antico ciondolo, un vecchio orologio d’oro da polsino, un cammeo sorretto da una lunga catenella gold, orecchini molto semplici a bottoncino o a piccolo anello stretto al lobo nello stesso materiale della collana. Delicata fedina al dito o comunque un anello intriso di rimandi storici (e perchè non dare nuova vita al prezioso scrigno della nostra bisnonna?).

Ecco, questa è la soluzione che propongo per indossare la meglio questo tipo di giacca con manica importante!

Una seconda opzione, per chi è un po’ più freddolosa, suggerisco un look leggermente più casual-chic: praticamente andiamo a sostituire la camicia-bebè in georgette con una t-shirt in modal manica lunga e con ampia scollatura a “U”, più casual ma sempre molto femminile.

 

Pizzi, Balze, Ruche & Ruffles 

Altri trend d’ispirazione Vittoriana sono i pizzi, le trasparenze, le ruche e le balze, molto presenti sulle passerelle di questa F/W, per non parlare dei colletti abbottonati rigorosamente fino all’ultimo bottone come le istitutrici di fine ‘800!

Per seguire questa tendenza, suggerisco delle splendide camicette, in cotone leggero o impalpabili chiffon, con importanti balze e ruche a scendere dal colletto ed ornare il décolleté e la chiusura frontale con colletto abbottonato fino in alto (mi raccomando!). Questo genere di camicetta è molto femminile ed è un pezzo che conferisce molta importanza all’outfit, per questa ragione la indosserei con un delicatissimo golfino, un pullover in un tessuto non troppo spesso o un blazer molto semplice.

Nelle collezioni invernali troviamo tanti modelli decorati con queste ruche o con importanti fiocchi: modelli più corti e sciancrati, modelli più morbidi e destrutturati, molto chic. Inoltre, le collezioni di questa stagione propongono anche svariati vestiti e maglie con colletto bianco a contrasto a rievocare lo stile delle istitutrici di un tempo.

Per ciò che riguarda il sotto dell’outfit, di nuovo abbiamo moltissime soluzioni possibili: prediligerei sempre una vestibilità del pantalone piuttosto fitted con questo genere di top.  Se si sceglie una camicetta con le ruche, queste creano già volume di per sè e non andrei a crearne altro con pantaloni voluminosi. Se si opta per una camicia destrutturata con alto colletto chiuso fino in alto all’ultimo bottone, anche qui suggerisco una vestibilità piuttosto skinny per conferire un tocco sexy e un po’ rock ad un outfit di partenza molto rigoroso.

Addentriamoci nel magico mondo dei gioielli! Se si sceglie una camicia con importanti ruche sul davanti, niente collane e puntare su gioielli preziosi e discreti (piccoli punti luce ornamentali alle orecchie, un anello magari antico, o un bel bracciale, anche importante, oppure un orologio d’oro vintage.). Se si opta per una camicia più semplice o una maglia/vestito con colletto rigoroso, sempre chiuso fino in alto, allora via libera a chunky breastplates: catene corpose gold, cascate di gemme…insomma, ci si può sbizzarrire ed il mondo dei bijoux apre tutte le sue porte!

 

Infine, vi lascio con una galleria di immagini a cui potete prendere spunto per ispirarvi alle tendenze vittoriane in modo attualizzato e portabile!

Se avete qualche domanda, lasciate un commento sulla nostra facebook page Silvia Belli – Events (https://www.facebook.com/silviabellievents?ref=aymt_homepage_panel) oppure contattatemi in privato all’indirizzo   mail@silviabelli.com ! Sarò felice di rispondere alle vostre domande con un post scritto apposta per voi!