Cuissardes, Over the Knee Boots, Tight Hight Boots, Gambali, tacchi vertiginosi, sexy look, how to wear

Cuissardes, Over the Knee Boots, Tight Hight Boots, Gambali, tacchi vertiginosi, sexy look, how to wear

Un altro centralissimo tema della prossima stagione F/W 2015 – 2016 saranno gli stivali: bikers borchiati, da cavallerizza, tronchetti… si vedranno sfilare stivali alti e bassi, sopra il ginocchio o alla caviglia, dal tacco altissimo e flat ma, insomma, chi di voi non possiede già un paio di tronchetti dal tacco vertiginoso da indossare con un jeans slim oppure un paio di bikers borchiati da sdrammatizzare con un leggerissimo vestitino corto in seta, organza o chiffon?!

Per questo voglio dedicare questo post in particolare ai cuissardes: uno stivale molto bello e particolare, intrigante ma abbastanza impegnativo da indossare e dai mille e più nomi, Over the Knee Boots o Tight High Boots, per i più anglofoni; gambali, sopra al ginocchio, alla “Barbarella” per noi italiani; Cuissardes per le fashion victims!

Questo modello di stivale sarà un must durante la prossima FALL/WINTER 2015-2016 ma ora ecco un po’ di storia:

 

 

Questo tipo di stivale veniva già utilizzato nel 1800, come capo invernale, per riparare le gambe dal freddo (ma anche nella sua veste più seduttiva: nelle mostre, infatti, spesso vediamo questi stivali abbinati ad indumenti intimi) tuttavia è negli anni ’60, con l’introduzione della minigonna di Mary Quant (1964), che questa linea di stivali inizia a spopolare.

Tra gli anni ’60 e ’70 queste calzature vengono lanciate in diversi modelli e colori, con e senza tacco o con zeppa, in pelle o camoscio, con stringhe e/o zip laterali oppure nella cucitura sul polpaccio.

Dopo un periodo in cui escono di scena, i Cuissardes vedono la loro ribalta in seguito al film Pretty Woman (1990) dove Julia Roberts ne indossa un paio dall’altezza vertiginosa. E, da allora, i nostri designer non li abbandonano più e li ritroviamo, prepotentemente, in tutte le collezioni invernali come capo classico e senzatempo.

In questa F/W 2015 – 2016 gli stilisti hanno scelto di riproporre questo stivale in maniera, spesso e volentieri, molto audace e impegnativa perché oltre all’altezza sulla gamba hanno anche tacco alto o altissimo, a spillo, e magari anche il plateau; alcuni designer tuttavia li ripropongono in modo meno aggressivo, sia in altezza di gamba che di tacco.

 

Ad ogni modo, ecco una gallery di immagini, che ho selezionato in internet, per darvi qualche idea di come indossarli per essere carine e sexy senza, però, cadere nel volgare.

Io suggerisco di abbinarli con abitini scivolati in chiffon, molto corti, con taglio in vita, abiti semplicissimi a tubino, estremamente mini e senza tagli, mini gonne aderenti cortissime a vita alta, gonne a pieghe o a portafoglio sempre cortissime e sempre, rigorosamente, a vita alta per bilanciare le proporzioni; via libera alle sovrapposizioni: portare questi stivali con maglioni di lana over, indossati sopra sottovesti in seta, ricamate con una bordatura di pizzo e spacchi, il tutto rigorosamente mini!